Vai al contenuto
Home » RUN THE LIFE » IL SENTIERO DEI MASSI ERRATICI, Vialfrè (TO)

IL SENTIERO DEI MASSI ERRATICI, Vialfrè (TO)

Sentiero dei massi erratici, Vialfrè
Sentiero dei massi erratici, Vialfrè.
Uno dei massi erratici lungo il sentiero.

Correre sulle tracce di un antico ghiacciaio…

Se corriamo e basta ci fa bene.

Se corriamo immersi in un bel posto ci fa molto bene.

Ma quanto è figo correre su sentieri che nascondono una storia?

Ecco, questa volta la storia non parla di cavalieri, antiche gesta o vecchie leggende, ma di un ghiacciaio quasi dimenticato. Un ghiacciaio che ricopriva tutto il Canavese circa 20.000 anni fa (l’ultima glaciazione, di Würm, avvenne nel Pleistocene, tra 110’000 e 11’700 anni fa).

E questo ghiacciaio ancora oggi è visibile. Non direttamente lui, chiaro, ma le sue tracce, enormi tracce. Cosa ci ha lasciato? Colline, laghi, segni e striature sulle rocce… la conformazione stessa del territorio dove viviamo e … i massi erratici appunto!

Ma cosa sono i massi erratici?

Sono enormi massi che si possono trovare in luoghi estremamente insoliti come se qualcuno li avesse presi ed appoggiati lì. E quel qualcuno che si è divertito a spostare questi enormi blocchi e a depositarli in luoghi casuali… beh… quel qualcuno è proprio il nostro amico ghiacciaio!

Ed eccoci allora a ripercorrere la storia di un grande ghiacciaio che è sceso da quella che oggi è la Valle d’Aosta e che ha spinto terra e detriti modellando il territorio così come lo conosciamo ora.

Tabellone esplicativo posto sul sentiero.
Tabellone esplicativo posto sul sentiero.

Il sentiero dei massi erratici è immerso nella collina di Vialfrè. La partenza naturale del Sentiero parte dal centro del paese ed è indicato da comoda segnavia, si raggiunge la zona dei massi erratici e si ritorna sullo stesso percorso. Io, però, ho scelto di fare una variante, partire dal cimitero di Bessolo e percorrere un percorso semi-circolare.

La zona in realtà offre tutte le varianti del caso, è corredata da indicazioni che aiutano parecchio ad orientarsi (https://www.anfiteatromorenicoivrea.it/itinerario/alta-via-anfiteatro-morenico) e si offre per trekking, corsa o mtb.

Bello, rilassante, tutto corribile con facilità anche nei tratti di salita.

Segnavia del sentiero dei massi erratici
Segnavia lungo il sentiero

La scheda del giro 1

DOVE. Partenza da Bessolo (TO) – (da Vialfrè se preferisci il percorso classico)

COME FARLO. Di corsa, camminando (trekking), in bici (mtb, percorso semplice, su strade ben tenute, privi di tratti esposti, un breve tratto che sembra quasi un single track, molto semplice).

TERRENO. Sterrato. Primo e ultimo km su strada asfaltata molto tranquilla, praticamente priva di traffico. Non ci sono tratti esposti, un po’di sali-scendi mai impegnativi.

LUNGHEZZA DEL GIRO. 8.5 km, ma si può allungare a piacere connettendosi con il giro dell’Anfiteatro di Ivrea.

DISLIVELLO. 200 m d+

BAMBINI. Si può fare come trekking con lo zaino porta bimbo, se sono grandicelli possono farlo camminando senza difficoltà. In bici solo se sono padroni del mezzo in fuori strada.

RISTORI. No, presenti bar/ristoranti a Vialfrè e a Bessolo.

ANIMALI SELVATICI. Quelli tipici del Canavese: scoiattoli, mini lepri, volpi, caprioli, cervi, cinghiali, falchi…

LINK A GOOGLE MAPS. Vista su Google Maps del punto di partenza standard del sentiero e della mia partenza da Bessolo

GIRO lungo il sentiero dei massi erratici: il percorso.
GIRO 1: partenza da Bessolo, salita verso l’autostrada con relativo attraversamento e giro circolare nel bosco.

La scheda del giro 2

DOVE. Partenza da Bessolo (TO)

COME FARLO. Di corsa, camminando (trekking), in bici (mtb, percorso semplice, su strade ben tenute, privi di tratti esposti, un breve tratto che sembra quasi un single track, molto semplice).

TERRENO. Primo Km su strada asfaltata molto tranquilla, praticamente priva di traffico, poi si entra nel bosco e si prosegue su sterrato per circa 3 km abbondanti, a quel punto dopo Vialfrè si imbocca la strada asfaltata, molto bella e tranquilla, segue poi un breve tratto di sterrato dopo Fraz. Gatto, quindi ritorno su asfalto, sempre per strade secondarie nel bosco. Non ci sono tratti esposti, un po’di sali-scendi mai impegnativi. Molto facile ma bello.

Il rientro su strada asfaltata, lungo Via Bessolo.
Il rientro su strada asfaltata, lungo Via Bessolo.

LUNGHEZZA DEL GIRO. 9 km, ma si può allungare a piacere connettendosi con il giro dell’Anfiteatro di Ivrea.

DISLIVELLO. 235 m d+

BAMBINI. Si può fare come trekking con lo zaino porta bimbo, se sono grandicelli possono farlo camminando senza difficoltà. In bici solo se sono padroni del mezzo in fuori strada.

RISTORI. No, presenti bar/ristoranti a Vialfrè e a Bessolo.

ANIMALI SELVATICI. Quelli tipici del Canavese: scoiattoli, mini lepri, volpi, caprioli, cervi, cinghiali, falchi…

LINK A GOOGLE MAPS. Vista su Google Maps partenza (e arrivo) da Bessolo

GIRO 2: partenza da Bessolo, salita verso l’autostrada con relativo attraversamento, poi seguire le indicazioni per Vialfrè (tenendosi nel bosco, non su strada asfaltata, si scollina e si trova una palina, seguire ancora per Vialfrè, a quel punto si giunge su strada asfaltata (ma sempre molto bella e tranquilla), quindi proseguire per Fraz. Cesare, Fraz. Gatto seguendo Via Bessolo, scendere verso Scarmagno, attraversarne l’abitato e quindi, seguendo sempre via Bessolo proseguire verso Bessolo.
Vista panoramica da Scarmagno, foto in sequenza. Si notano il campanile di Scarmagno il Mombarone sullo sfondo, la Serra Morenica che taglia l’orizzonte con una riga netta, l’abitato di Romano Canavese, Strambino, la collina del Castello di Masino (sulla sinistra in lontananza nella terza foto)

L’ Anfiteatro Morenico di Ivrea

Ma esattamente cosa ha modellato il Ghiacciaio? Con la sua progressione e il suo successivo ritiro ha formato quello che oggi conosciamo come l’Anfiteatro Morenico di Ivrea, costituito sul lato est dalla famosa Serra dalle colline di Caravino e del Castello di Masino, sul lato ovest delle colline di Agliè, Vialfrè, Scarmagno che scendono fino alle colline di Caluso e Mazzè che chiudono l’anfiteatro a sud. Il tutto perfettamente visibile se guardiamo dall’alto, basta andare su Google Maps per rendersi conto che la presenza del vecchio ghiacciaio è ancora ben chiara, come una zampata posta sulla carta geografica:

Immagine tratta da Google Maps, si vede sul segnaposto il punto in cui è situata Vialfrè e si nota la zona dell'anfiteatro di Ivrea col sistema di rilievi che lo circondano.
Immagine tratta da Google Maps, si vede sul segnaposto il punto in cui è situata Vialfrè e si nota la zona dell’anfiteatro di Ivrea col sistema di rilievi che lo circondano.
Immagine tratta da Google Maps, come sopra, ma con evidenziati i rilievi dell'Anfiteatro Morenico di Ivrea.
Immagine tratta da Google Maps, come sopra, ma con evidenziati i rilievi dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea.
Immagine dell’espansione del ghiacciaio durante la glaciazione di Wurm, è indicato l’Anfiteatro Morenico di Ivrea. Immagine tratta da: https://www.attivitasolare.com/glaciazione-wurm/

E ora ti lascio con eventuali approfondimenti se vuoi leggere altro in proposito! Buon giro e buone corse!

http://www.piemonteparchi.it/cms/index.php/territorio/sentieri-provati/item/110-il-sentiero-dei-massi-erratici

https://it.wikipedia.org/wiki/Glaciazione_W%C3%BCrm

https://it.wikipedia.org/wiki/Masso_erratico


I percorsi e le tracce GPX presenti su runthelife.it nel corso del tempo possono non essere più funzionali: la natura è mutevole, quindi bisogna sempre informarsi presso le autorità locali circa lo stato dei percorsi e la loro fruibilità in totale sicurezza. I consigli per la fruizione di un percorso sono dovuti all’esperienza dell’autore che non si assume la responsabilità della loro validità assoluta e immutabile nel corso del tempo.
Quando esci in ambiente naturale ricordati di portare con te il necessario e di vestirti in modo adeguato. Nei percorsi consigliati è possibile incontrare animali selvatici, non li disturbare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian