Vai al contenuto
Home » RUN THE LIFE » MAGICAL MYSTERY TOR di Giorgio Macchiavello

MAGICAL MYSTERY TOR di Giorgio Macchiavello

Magical Mystery Tor

“[…] cos’altro è il Tor se non un gigantesco sogno?”

Bellissima cronaca del Tor des Géants e delle emozioni che suscita in chi lo corre e in chi lo vive come tifoso, come volontario o come semplice spettatore.

Bello ed emozionante, per appassionati di montagna e per appassionati di corsa, per percorrere insieme a Giorgio Macchiavello le due alte vie che abbracciano la Valle d’Aosta per 330 km, per chi vuole leggere la cronaca di una gara scritta con una buona dose di autoironia, come si legge anche in copertina: “Fatiche e facezie di uno che il Tor des Géants non lo voleva proprio fare”.

Nota interessante: parla del Tor 2012 esattamente come nel libro di Francesco Prossen “LA GRANDE CORSA il sogno e l’avventura” (Link qui per la recensione: https://runthelife.it/la-grande-corsa-il-sogno-e-lavventura-di-francesco-prossen/), molto bello leggere la stessa gara da due punti di vista diversi, ma allo stesso tempo simili.

Ecco qualche piccolo estratto:

“Ora, se io fossi un atleta di quelli seri, dovrei prendermi qualche minuto per concentrarmi, ripassare le tattiche di gara prestabilite, rivedere con la mente il percorso, ricordare i passaggi più difficili, studiare i volti degli avversari per scoprire eventuali tensioni e insicurezze che influiscano positivamente sul mio spirito di competizione. Invece niente. Non riesco a fissarmi su un pensiero solo. Mi sembra di essere in mezzo a una festa. Sarà per la musica che esce dalle casse a tutto volume. Sarà per il sole e il panorama, O forse sarà perché non sono un atleta di quelli seri, anzi non sono nemmeno un atleta. La concentrazione la lascio a quelli che sono là davanti.
Oh oh, comincia il conto alla rovescia. Tutti alziamo i bastoncini sopra le teste, ridiamo, gridiamo. Non devo essere il solo a pensare di trovarsi in mezzo a una festa. Tre, due, uno. Sono partito anch’io. Stavolta il pronti via del Tor des Géants vale anche per me. Da non credere.”

“In paese dormono ancora. Niente paura, continuate pure: noi del Tor quando passiamo non facciamo rumore. Anche perché dobbiamo risparmiare tutte le forze possibili. Il tempo di mangiare qualcosa al punto di ristoro e via. Ora comincia la salita al Col Entrelor. Milioni di metri di dislivello, miliardi di miliardi di passi.
Calma, non bisogna farsi prendere dalla fretta. Questo sentiero l’ho già salito due volte, non mi farò fregare. Camminata a ritmo regolare, senza sfiancarsi, tanto il colle da lasşù non si sposta. Inutile stare a pensare alla fatica, quanto ci vuole ancora O a quanto sono più bravi quelli che sono davanti. Meglio distrarsi. Comincio a riflettere sulla raccolta che ho cominciato, la mia collezione di colli. Ne ho già quattro nello zaino. Sì, meglio fare così: contare quelli fatti e non quelli che mancano. Un trucco da veri collezionisti.
Erba, sassi, sentiero ripido e, lassù lassù lassù, la sella che devo raggiungere. Ti manca la pianura? La prossima volta, allora, iscriviti al Tor des Plaines”


Se sei interessato al libro o vuoi leggere altre recensioni clicca qui: Magical Mystery Tor

Ecco la recensione del sito ufficiale del Tor: https://www.torxtrail.com/it/content/libri/magical-mystery-tor

Se leggi da Kindle e sei interessato a risparmiare con Kindle Unlimited clicca qui: https://www.amazon.it/kindle-dbs/hz/signup?tag=runthelife-21

Se sei interessato al mondo Kindle clicca qui: Scegli il tuo Kindle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian